Browsing Category radici e ali

back to the roots

Virginia_ok-6427

L’estate è passata in fretta, se ne è andata e ha portato via con sé le lunghe giornate. A settembre ha lasciato i cieli limpidi e il bordo netto e luminoso delle montagne al tramonto, come solo l’autunno sa regalare. A me restano i ricordi di questa estate così particolare, trascorsa per sei settimane quasi di seguito via da casa e in cinque luoghi differenti, spaziando dalla Scandinavia al profondo sud dell’Italia.

Continue Reading

Share on Pinterest
1 Comment

Un anno di ALPSTATION LAVAREDO : l’importanza delle radici e la valorizzazione della cultura

virginiademartin-xcskiing-alpstationlavaredo

 

Tre amici, un’antica strada ricoperta di fiori azzurri il cui nome invita a non dimenticare, un corso d’acqua dalle proprietà particolari conosciute fin dall’antichità, secoli di storia sotto i piedi. In questo modo, un giorno d’estate di qualche anno fa, è iniziato un percorso di conoscenza e scoperta della storia e della cultura dei miei luoghi d’origine. Un percorso originale, che passa attraverso un’amicizia sincera. Un percorso che parte dal basso, dalle radici.

Continue Reading
Share on Pinterest
1 Comment

un frammento di avventura

IMG_0892

Da poco più di una settimana ho ripreso ad allenarmi in vista della nuova, importante stagione che mi aspetta. Ho iniziato la preparazione piena di energie e voglia di mettermi alla prova, un po’ perché sarà un anno olimpico e questa bellissima sfida mi riempie di entusiasmo, un po’ perché ho vissuto un’esperienza di viaggio alternativa ed emozionante.

Eh sì, perché dopo la fine della stagione agonistica ho preparato lo zaino e sono salita su un volo con destinazione Messico. Da lì tre settimane di avventura attraverso le bellezze di Yucatan e Chiapas. Non intendo qui raccontare il mio viaggio, ma soltanto condividerne un frammento, in quanto è stata un’esperienza che mi ha dato moltissimo a livello umano ed esistenziale. Durante il viaggio ho conosciuto una persona fantastica che, mentre stavamo seduti su una cascata, ha condiviso con me una storia legata ad un suo viaggio, insegnandomi a fare lo stesso e raccontando in terza persona…da qui l’idea di condividere un piccolo aneddoto della mia avventura…

Tulum. Sole caraibico, spiaggia bianchissima, suono delle onde che si infrangono, una musica di cumbia in lontananza, la brezza che reca un po’ di sollievo alla calura. La calura, appunto. V. decide di rinfrescarsi con un bagno nel mare cristallino e poi restare ad aspettare che sole e vento portino via le gocce d’acqua dalla pelle, assaporando la bellezza di quell’attimo ad occhi chiusi. Mentre se ne sta lì sul bagnasciuga compare accanto a lei un uomo e comincia a parlarle, un po’ in italiano, molto in spagnolo. L’uomo si chiama Angel, è messicano, ha dei lunghissimi capelli scuri con le punte chiare, bruciate dal sole e dall’acqua del mare, che porta sciolti sulle spalle e sulla schiena, ha profondi e sinceri occhi marroni. I messicani sono di buona favella e Angel non fa eccezione:comincia a parlare di sé, delle bellezze del Messico, della natura, dei Maya e di Dio. Mentre parlano camminano fino all’abitazione dell’uomo:Angel vive sugli scogli, vicino al mare in una semplice cabana nella quale dorme in amaca con i suoi due cani rannicchiati lì sotto. Si guadagna da vivere portando i turisti a fare snorkeling ed immersioni e arrotonda con i frutti delle sue mani : ciondoli fatti con conchiglie e pietruzze, acchiappasogni di corallo e piume, collane con denti di squalo. –Yo no creo que Dios existe. La naturaleza es Dios y diablo, la naturaleza es todo.-dice, e, davanti ad una statuetta maya comincia a raccontarne la storia. La statuetta è alta meno di un metroe rappresenta un piccolo uomo; veniva costruita dai Maya e gli veniva data la vita, affinché fosse il guardiano della natura. Il guardiano, però, andava nutrito e curato perché tendeva ad essere furbo e dispettoso. -Ci sono molte persone che l’hanno incontrato. Anche turisti che, rientrando la sera, se lo trovano davanti e si spaventano. Io non ho mai visto il guardiano, ma lo posso sentire dalla mia cabana mentre si muove qui intorno durante la notte!- Angel termina con qualche consiglio su cosa visitare durante il viaggio e poi lui e V. si salutano. V.prosegue il viaggio attraverso il Messico, vede moltissimi luoghi, conosce persone tra le più diverse e segue anche i consigli di Angel. Lungo la strada del ritorno V. si ferma a salutare Angel e a comprare qualche acchiappasogni. L’uomo l’accoglie con il consueto calore e discorrono del viaggio, delle meraviglie che porterà nel cuore tornando in Italia. Si salutano e, mentre si dicono Adios! a V. sembra di scorgere un lampo in fondo allo sguardo dell’uomo. Sì, un lampo furbo e dispettoso…

Share on Pinterest
1 Comment

SPIRALI DI MAGIA

IMG_2805

Ci sono due persone davvero speciali ed importanti nella mia vita..e un’amicizia così particolare e non canonica che è difficile da raccontare…Beppe, Maury ed io abbiamo età e vite diverse, ma una grande passione comune per la natura, lo sport e per vivere spontaneamente e in modo trasparente…credo sia così…in certi momenti della vita si creano spirali di magia che coinvolgono delle persone particolari e succedono eventi inaspettati ed incredibili.

Da quando questo bellissimo rapporto è iniziato, abbiamo condiviso esperienze tra le più diverse..abbinando la pausa pranzo (ritrovo a chiusura del negozio di Beppe..!)ad attività culturali e sportive, arrivando inevitabilmente in ritardo alla riapertura del negozio, con tanto di clienti in attesa!

Così, per caso o per gioco è nata l’idea di una vacanza insieme…e così…Sicilia!

Meta perfetta per vivere un’esperienza unica,particolare e piena di controsensi come la nostra amicizia…salire sull’Etna in mezzo al vento sferzante e gelido, camminando sopra pietre ghiacciate, sapendo che sotto i nostri piedi scorre del “fuoco liquido”!

Meta perfetta per il mio ritardo…ritmi rilassati e finalmente non sono l’ultima ad arrivare agli appuntamenti!

Meta perfetta per sentirti a casa essendo dall’altra parte dell’Italia, grazie al calore e all’ospitalità delle persone del luogo.

Meta perfetta per sentirci un po’ come Ulisse…se non altro per via del nome della nostra camera al B&B…ULISSE.

Meta perfetta per acquisire o consolidare le nostre competenze in fatto di calata e arrampicata…quando con Orazio ci siamo avventurati nella grotta delle Colombe!

Meta perfetta per fare un viaggio anche gastronomico…un po’ meno perfetta se hai deciso di metterti a dieta…l’abbiamo capito quando alle parole di Cettina “Ragazzi, non ho preparato niente di che…” sono seguiti due vassoi enormi di spaghetti alle acciughe e tacchino con patate!

Meta perfetta per il primo viaggio in aereo per Maury…e per ricordare(a tutta Nicolosi..!)un evento del passato per Beppe.

E infine, meta perfetta sì…ma qualsiasi meta sarebbe stata perfetta con due persone così importanti con cui condividere il viaggio…perchè è il viaggio ciò che conta.

Crediti fotografici di Giuseppe Pais Becher. Grazie.

Share on Pinterest
0 Comments