2017: flow

Photo 29-12-2017, 11 40 35 (1)

C’è chi i buoni propositi li fa ad inizio anno, chi a settembre con la riapertura delle scuole. A me piace farli ad aprile, quando siamo prossimi all’inizio di una nuova stagione di preparazione atletica. A fine anno, però, mi piace guardare indietro a quei 365 giorni trascorsi e godermi per un attimo ancora le emozioni che ho vissuto.

Il 2017 è stato davvero un anno eccezionale per me. I primi mesi non sono stati facili: dopo aver messo impegno, grinta e cuore nella preparazione, i risultati sportivi non sono arrivati. È stato un po’ frustrante, ma nelle ceneri della scorsa stagione agonistica, ho trovato la forza di accettare che le cose non vanno sempre come vorremmo, la forza di avere ancora fiducia in me stessa e l’entusiasmo per intraprendere nuove esperienze. Proprio per queste esperienze sono grata al 2017, per vecchie amicizie ritrovate e nuove conoscenze che sono state fonte d’ispirazione.

E ringrazio me stessa. Per aver intrapreso nuove sfide, per aver avuto il coraggio di guardare oltre la superficie delle cose al fine di coglierne il significato profondo, per aver saputo leggere i segnali della vita, per aver ribaltato le difficoltà in opportunità.

Come ho fatto gli anni scorsi, ho cercato una parola che potesse riassumere l’anno appena trascorso. La mia parola per il 2017 è flow. Flow perché mi sono lasciata trasportare dagli eventi, pur mettendoci del mio, flow perché sto imparando a non opporre resistenza e a non essere troppo dura con me stessa. Flow perché ho imparato che i grandi traguardi si ottengono concentrandosi sul piccolo lavoro costante, per poi sorprenderci di ciò che possiamo raggiungere.

Flow è stato il modo in cui ho vissuto e ho guardato alla vita nel corso di quest’anno. Ho ancora molta strada da fare, ma è un buon inizio per vivere ogni esperienza come uno spunto di crescita.

 

Share on Pinterest

Comments

comments

Google+ Comments

0 Comments
Previous Post
virginiademartin-billshipsey